Questo Forum usa i cookies tecnici solamente per immagazzinare queste informazioni: il tuo Nome Utente e la password, i messaggi letti/visualizzati. Questi cookies sono immagazzinati nel tuo PC/Smartphone. I nostri cookies non sono usati per seguire le tracce dei tuoi movimenti; non servono ad altro che migliorare il tuo uso dei Forum. Se non hai abilitato i cookies nel tuo browser, molte di queste funzioni per migliorare l'uso dei Forum non funzioneranno. Maggiori informazioni
F O R U M    1 0 ' - La costruzione di Mister Bean è cominciata!
Vai al sito Diecipiedi

F O R U M    1 0 '

[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ-Informativa cookie | Regolamento Forum ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Classe 10'
 Forum 10'
 La costruzione di Mister Bean è cominciata!
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 5

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 26/03/2012 : 21:54:27  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
" Certo è molto meno robusto "

Appunto inoltre é probabile che dovrai irrobustire l'esterno cOntro graffii ed urti, mettendo tessuto di vetro, e quindi il problema si ripropone.

Modificato da - Mario Falci in data 26/03/2012 21:58:15
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 26/03/2012 : 22:05:46  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
marco casavecchia ha scritto:

Carlo,
a chi lo dici!
Ormai io faccio tutto in legno, sto addirittura sviluppando un progetto per un preservativo.
L'intrinseca rigidezza dovrebbe essere di giovamento.

Scherzi a parte (e per quello che mi sembra di aver capito), un modo per ridurre l'assorbimento di resina da parte dell'espanso è di fare il "priming" in due tempi.
Passare una mano molto leggera di resina sull'espanso, aspettare che sia indurita (ma non troppo) e passare la seconda mano su cui si posa il tessuto.
Lo scopo è quello di usare la prima mano come uno scudo per l'assorbimento della seconda.
Al contrario dare mani successive bagnato su bagnato provoca un effetto stoppino per cui la prima favorisce la penetrazione della seconda.



Questa é una possibilitá, ma i tempi di realizzazione si allungano a dismisura. Inoltre il tessuto di carbonio é molto più impermeabile alla resina. Non puoi laminare il tessuto da sopra ed aspettarti di vedere la resina dall'altro. É necessario laminare entrambe le facce e nel mio caso abbondo anche sul lato esterno resinando abbondantemente il piano in formica perché non posso permettermi alcun difetto ( cratere) in quanto non posso stuccare volendo il carbonio in vista. C'è da dire che anche lo stucco pesa.
Torna all'inizio della Pagina

marco casavecchia
deleted



476 Messaggi

Inserito il - 27/03/2012 : 07:34:55  Mostra Profilo Invia a marco casavecchia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
http://sailingsource.com/cherub/idx-chbuild.php
Altro sito interessante sulla costruzione in sandwich.

Un altro sistema che si usa comunemente per ridurre il peso dei laminati è quello di stuccare il pvc con una mano di resina abbondantemente alleggerita con microballoons fenolici.
Torna all'inizio della Pagina

luca10ft
Utente Senior


Città: riccione


764 Messaggi

Inserito il - 27/03/2012 : 07:52:38  Mostra Profilo Invia a luca10ft un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il problema principale del sandwich è la delaminazione che, nella nautica, è favorita dalle condizioni di lavoro dei manufatti.
L’assorbimento di resina da parte del foam (PVC) determina un maggiore peso (oltre a maggiori consumi e maggiori costi), però crea un ancoraggio migliore rispetto al semplice incollaggio di superficie.
Ad esempio nei processi di infusione si utilizzano anime forate per creare chiodature tra le due pelli.

Purtroppo minore è lo spessore dell’anima e delle pelli, e maggiore sarà l’incidenza del peso della resina utilizzata nell’impregnazione del foam, rendendo così forse poco competitivo il sandwich (in termini di peso) rispetto ad altre soluzioni (tipo il compensato).

Quella di stuccare il pvc con una mano di resina caricata con microballoons potrebbe essere una buona idea perché si riempiono i pori del PVC con materiale meno pesante e comunque altrettanto efficace nel garantire un buon ancoraggio del rivestimento.
Torna all'inizio della Pagina

marco casavecchia
deleted



476 Messaggi

Inserito il - 27/03/2012 : 18:05:59  Mostra Profilo Invia a marco casavecchia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
In due trimarani di 8 metri che ho costruito tempo fa avevo usato per stuccare l'anima una roba che si chiamava Fillite, che vedo che è ancora in commercio.
Alleggerisce la resina ma non tanto quanto i microballoons, certo in confronto non costa niente.
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 27/03/2012 : 18:34:51  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
marco casavecchia ha scritto:

In due trimarani di 8 metri che ho costruito tempo fa avevo usato per stuccare l'anima una roba che si chiamava Fillite, che vedo che è ancora in commercio.
Alleggerisce la resina ma non tanto quanto i microballoons, certo in confronto non costa niente.


Mi sembra che Spraystore la venda.
Torna all'inizio della Pagina

luca10ft
Utente Senior


Città: riccione


764 Messaggi

Inserito il - 29/03/2012 : 07:02:07  Mostra Profilo Invia a luca10ft un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Mario
Hai fatto una stima di quanto peserà un ama finito?

A occhio direi almeno:
- gr. 2600 per sagome laterali
- gr. 1600 per sagome superiore e inferiore
- gr 600 per cordonature e nastrature
- gr. 700 per paratie interne e doppio fondo
- gr. 500 per 2 mani di vernice trasparente anti UV (ammesso che siano sufficienti per per non fare ingiallire la resina)
Tot. 6000 gr (oltre al peso del sistema di bloccaggio delle traverse)
Considerati i 106 lt di volume avresti un rapporto di circa 57 gr/lt.

Se non ricordo male, gli ama di fastofly erano 75 lt e pesavano 4 kg
Con un rapporto di 53 gr/lt


capellizzari
un mq. di compensato marino di okumè da 4 mm pesa circa 2 Kg (500 Kg/mc)
Se poi lo rivesti all’esterno, anche una laminazione leggera (con tessuto da 160 gr/mq), ti aggiunge almeno altri 350 gr/mq., con una differenza di peso di circa 800 gr/mq rispetto al sandwich di Mario.

Sul fatto che il compensato marino con laminazione esterna sia meno robusto e rigido di un sandwich di circa lo stesso spessore (5 mm), bè, qui avrei qualche dubbio


Modificato da - luca10ft in data 29/03/2012 07:12:04
Torna all'inizio della Pagina

marco casavecchia
deleted



476 Messaggi

Inserito il - 29/03/2012 : 18:27:14  Mostra Profilo Invia a marco casavecchia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il trimarano che ora naviga sotto il nome di Paci è in okume da 4 mm. e non è rivestito in vetro.
Su queste dimensioni non c'è bisogno di vetro all'esterno, basta e avanza il compensato.
Anzi, se dovessi farlo adesso userei il 3 mm. con rinforzi in carbonio dove serve e magari uno strato di kevlar sotto i piedi all'esterno dello scafo centrale.
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 29/03/2012 : 20:09:58  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
luca10ft ha scritto:

Mario
Hai fatto una stima di quanto peserà un ama finito?

A occhio direi almeno:
- gr. 2600 per sagome laterali
- gr. 1600 per sagome superiore e inferiore
- gr 600 per cordonature e nastrature
- gr. 700 per paratie interne e doppio fondo
- gr. 500 per 2 mani di vernice trasparente anti UV (ammesso che siano sufficienti per per non fare ingiallire la resina)
Tot. 6000 gr (oltre al peso del sistema di bloccaggio delle traverse)
Considerati i 106 lt di volume avresti un rapporto di circa 57 gr/lt.

Se non ricordo male, gli ama di fastofly erano 75 lt e pesavano 4 kg
Con un rapporto di 53 gr/lt


Al momento, escludendo cordonatura e nastrature, una sola mano ( leggera) di vernice trasparente sono a 4200 grammi
Quindi posso arrivare a 5618 grammi per avere il rapporto di 53 gr/lt degli amas precedenti. anche se dovessi mettere 600gr per la cordonatura e 500 gr per la verniciatura sarei al di sotto della media precedente.


Modificato da - Mario Falci in data 29/03/2012 20:17:08
Torna all'inizio della Pagina

capelizzari
2017 Winner


Prov.: Milano
Città: burago


863 Messaggi

Inserito il - 29/03/2012 : 21:03:51  Mostra Profilo Invia a capelizzari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
marco casavecchia ha scritto:

Il trimarano che ora naviga sotto il nome di Paci è in okume da 4 mm. e non è rivestito in vetro.
Su queste dimensioni non c'è bisogno di vetro all'esterno, basta e avanza il compensato.
Anzi, se dovessi farlo adesso userei il 3 mm. con rinforzi in carbonio dove serve e magari uno strato di kevlar sotto i piedi all'esterno dello scafo centrale.

Sono daccordo con te. Anche Tripèe e fatto in compensato da 4 senza laminazione esterna, con solo la fettuccia sugli spigoli.
Il compensato da 4 di pioppo o di obeche pesa sui 400 kg/mc, e per l'uso che ne facciamo noi, non serve il compensato marino.
Comunque non fraintendetemi: la supertecnologia di mario, molto bella è sicuramente superiore al povero compensato, ma mi chiedo se i vantaggi che porta siano apprezzabili nelle nostre applicazioni.
Ciao a tutti: domani ritorno a casa e comincerò a spolverare la barca per la prima regata

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 29/03/2012 : 23:07:05  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
capelizzari ha scritto:

marco casavecchia ha scritto:

Il trimarano che ora naviga sotto il nome di Paci è in okume da 4 mm. e non è rivestito in vetro.
Su queste dimensioni non c'è bisogno di vetro all'esterno, basta e avanza il compensato.
Anzi, se dovessi farlo adesso userei il 3 mm. con rinforzi in carbonio dove serve e magari uno strato di kevlar sotto i piedi all'esterno dello scafo centrale.

Sono daccordo con te. Anche Tripèe e fatto in compensato da 4 senza laminazione esterna, con solo la fettuccia sugli spigoli.
Il compensato da 4 di pioppo o di obeche pesa sui 400 kg/mc, e per l'uso che ne facciamo noi, non serve il compensato marino.
Comunque non fraintendetemi: la supertecnologia di mario, molto bella è sicuramente superiore al povero compensato, ma mi chiedo se i vantaggi che porta siano apprezzabili nelle nostre applicazioni.
Ciao a tutti: domani ritorno a casa e comincerò a spolverare la barca per la prima regata

Guarda, forse ti sembrerá strano ma il tuo ragionamento lo trovo sensato. Avrai notato che quasi tutti gli interventi sI concentrano sugli scafi e sul loro peso, ma nelle nostre barche quasi la metá del peso é dato da attrezzature ed armo. Non parliamo poi di quanto poco tempo e riflessioni progettuale riserviamo al motore della barca. Vedo per esempio un casino di acciaio messo anche dove non è necessario. Quanti grilli in metallo che potrebbero essere sostituiti da altri in tessile ecc. Forse saró paranoico, ma se uno vuole un poliscafo veloce deve partire dal presupposto che deve essere leggero. Non é l'unica condizione per poter vincere, ma se non c'è quella le possibilitá si riducono e puoi sperare soltanto di aver più manico tu o che i tuoi avversari ne sappiano veramente poco. Per questo motivo cerco di fare la struttura più rigida e leggera possibile, avere l'armo più leggero, rigido ed efficace possibile.
Ciao
Torna all'inizio della Pagina

capelizzari
2017 Winner


Prov.: Milano
Città: burago


863 Messaggi

Inserito il - 30/03/2012 : 15:18:30  Mostra Profilo Invia a capelizzari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Caro Mario,
Dimentichi un piccolo perticolare: il peso del timoniere! Quando ben ho risparmiato 5 kg tra scafi e armamento, e poi ci metto su 20 kg in piu di te ( qualcun'altro anche 30), ho fatto la festa per il c...o
Sono assolutamente d'accordo con te sul fatto che molti trascurano un poco il "motore", magari facendo attenzione alla vela e meno all'albero, errore che tu non hai fatto.

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Luigi
Utente Senior

Prov.: Milano
Città: Bussero


435 Messaggi

Inserito il - 01/04/2012 : 22:24:55  Mostra Profilo Invia a Luigi un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bravo Mario, mi sembra la stessa tecnica della barca rossa che avevi costruito da me, anche se più tecnologica.
Quella foto dove sembri un'astronauta potrebbe spaventare un aspirante costruttore.
Ti auguro di finire in tempo per disputare un buon numero di raduni.
Buon lavoro, Luigi.
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 04/04/2012 : 21:49:54  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Luigi ha scritto:

Bravo Mario, mi sembra la stessa tecnica della barca rossa che avevi costruito da me, anche se più tecnologica.
Quella foto dove sembri un'astronauta potrebbe spaventare un aspirante costruttore.
Ti auguro di finire in tempo per disputare un buon numero di raduni.
Buon lavoro, Luigi.


Di diverso c'è soltanto un materiale un po' troppo mitizzato, laminato su un tavolo con superficie liscia
La foto da astronauta spero serva a far capire ai neofiti che più si va avanti nell'esperienza da autocostruttori più si sta attenti a difendersi dai veleni e dai materiali pericolosi.

Modificato da - Mario Falci in data 04/04/2012 22:57:08
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 04/04/2012 : 23:08:18  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Qualche foto dopo altre 15 ore (circa).
Tagliate tutte le sagome degli scafetti e tenute insieme con scotch da imballaggio Vi sembrerà assurdo avere questi problemi ma per me è così.Avevo previsto il peggio e progettato un particolare costruttivo che mi risolveva il problema ma avrei rallentato notevolmente i lavori. Ed invece passa sia attraverso il corridoio tortuosissimo sia attraverso le scale striminzite. Adesso, visto che pasqua e pasquetta sono bagnate mi dedicherò alla cucitura delle sagome con fascette di plastica e la cordonatura interna con nastratura. Non potrò incollare la coperta perchè prima devo allineare gli scafetti a quello centrale che non ho ancora iniziato.

Immagine:

38,76 KB

Immagine:

42,43 KB

Immagine:

14,26 KB
Torna all'inizio della Pagina

luca10ft
Utente Senior


Città: riccione


764 Messaggi

Inserito il - 05/04/2012 : 05:39:00  Mostra Profilo Invia a luca10ft un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bella linea e anche piuttosto cattiva
Visto ch non devi più divedere l’ama in due parti, ora hai anche meno vincoli per realizzare il sistema di allagamento/svuotamento in caso di scuffia, affinché sia veracemente semplice ed efficace.
Hai poi deciso come fare?

Una curiosità
Quanto sviluppa in altezza e in larghezza massima lo scafetto?
Torna all'inizio della Pagina

aurelio
Utente Senior



670 Messaggi

Inserito il - 05/04/2012 : 06:04:55  Mostra Profilo Invia a aurelio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
complimenti Mario, mi piace la prua inversa...buon proseguimento
ciao aurelio
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 05/04/2012 : 12:48:02  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
aurelio ha scritto:

complimenti Mario, mi piace la prua inversa...buon proseguimento
ciao aurelio



Grazie
Torna all'inizio della Pagina

bicio
Utente Attivo


Prov.: Milano
Città: Milano


152 Messaggi

Inserito il - 05/04/2012 : 21:00:05  Mostra Profilo Invia a bicio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bel lavoro Mario, mi sento un po' indietro con il mio polistirene da edilizia,
Vabbè sarà per la prossima barchetta se mia moglie non chiederà il divorzio.
ciao

Nessuna pianificazione, per quanto attenta, potrà mai sostituire una bella botta di culo. [Legge di Dunn]
Torna all'inizio della Pagina

Mario Falci
Segretario 10' Moderatore


Prov.: Milano
Città: Milano


1533 Messaggi

Inserito il - 05/04/2012 : 22:49:26  Mostra Profilo Invia a Mario Falci un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
bicio ha scritto:

Bel lavoro Mario, mi sento un po' indietro con il mio polistirene da edilizia,
Vabbè sarà per la prossima barchetta se mia moglie non chiederà il divorzio.
ciao

Mi sembra invece che tu abbia lo spirito giusto: ascolti tutti ma poi hai la tua idea e la persegui. Anche io all'inizio ho fatto delle ingenuità che peró pensando bene è lo spirito di chi fa ricerca ed innovazione. Soltanto che dovrai fare maggiore esperienza costruttiva. Io mi rendo sempre più conto che i materiali giusti fanno la differenza e che vanno lavorati con perizia. Nel tuo caso , mi ripeto, non avrei fatto gli strati,semplicemente perché per fare i nostri scafi , che poi sono delle scatole, é molto più agevole, veloce e logico usare i pannelli per fare le pareti. Figurati che dopo aver sperimentato di tutto sono ritornato al cuci ed incolla.
Ciao
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 5 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
F O R U M    1 0 ' © 2000-06 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina e'stata generata in 0,23 secondi. Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000