Questo Forum usa i cookies tecnici solamente per immagazzinare queste informazioni: il tuo Nome Utente e la password, i messaggi letti/visualizzati. Questi cookies sono immagazzinati nel tuo PC/Smartphone. I nostri cookies non sono usati per seguire le tracce dei tuoi movimenti; non servono ad altro che migliorare il tuo uso dei Forum. Se non hai abilitato i cookies nel tuo browser, molte di queste funzioni per migliorare l'uso dei Forum non funzioneranno. Maggiori informazioni
F O R U M    1 0 ' - Diecipiedi da crociera
Vai al sito Diecipiedi

F O R U M    1 0 '

[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ-Informativa cookie | Regolamento Forum ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Classe 10'
 Forum 10'
 Diecipiedi da crociera
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è: capelizzari
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 3

FABIOS
Utente Senior


Città: LUGANO


345 Messaggi

Inserito il - 29/09/2020 : 18:28:18  Mostra Profilo Invia a FABIOS un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Carino ma da te mi aspettavo qualcosa di più originale
io ho terminato il mio 12' a presto le foto
Torna all'inizio della Pagina

umbeuno
2018 Winner


Prov.: Milano
Città: Boffalora Ticino


164 Messaggi

Inserito il - 30/09/2020 : 18:55:10  Mostra Profilo Invia a umbeuno un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La base/trampolino per la tenda,come intendi farla?
Il dislocamento sarà importante per un 10 piedi,a occhio sui 200 l.

Modificato da - umbeuno in data 30/09/2020 19:01:53
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 30/09/2020 : 19:26:35  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I trampolini saranno rigidi, ma legati alle traverse per un minimo di flessibilità.
Ne presenterò il modello a breve.
Con 200 kg di peso totale immerge 25 cm.
C'è, quindi, ancora margine per la massima immersione di 30 cm: momento in cui toccano l'acqua ambedue gli amas.
Vado a legare i trampolini, poi faccio le foto.
Ciao a tutti
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 01/10/2020 : 11:36:52  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sono anch'io dell'idea che Pegaso non sia un progetto particolarmente originale ed innovativo.
Tuttavia ci sono due motivi che mi hanno condotto verso queste scelte.
Il primo risponde al principio: "squadra che vince non si cambia".
Nel senso che è una struttura che conosco molto bene, solida quanto serve in crociera, stabile, comoda da trasportare e da montare, abbastanza maneggevole anche nelle operazioni di varo e di alaggio.
Certo, non si tratta di un'imbarcazione da record, ma è in grado di reggere 30 nodi di vento, due metri d'onda e piccoli frangenti.
Può portare due persone e tutto il necessario per pranzi e pernottamenti.
Il secondo motivo è dato dalla mia solita fissazione di semplificare la vita all'autocostruttore.
Si costruisce con pezzi di compensato tutti rettangolari.
Solo alla fine si va a rifilare il fondo e la coperta creando le rotondità della prua e della poppa.
Chi sa costruire uno sgabello è perfettamente in grado di costruirsi la sua barca da "crociera" !

Vi mostro, ora, gli ultimi sviluppi:


Immagine:

57,63 KB

Qui vediamo Pegaso con i suoi trampolini rigidi.
Un'opzione prevista è quella di rendere incernierata e sollevabile una porzione del trampolino per ottenere uno schienale che si rivelerà molto comodo nelle navigazioni più lunghe.
La deriva ed il timone sono sollevati nella posizione necessaria per l'alaggio in spiaggia.
Ora si fa sera ....


Immagine:

59,38 KB

L'archetto rosso rappresenta il profilo di una tenda a tunnel che può essere autocostruita o comprata già fatta sul mercato.
Larga 120 cm e lunga 220 cm ospita comodamente due persone.
Nell'immagine è raffigurato un sontuoso materasso che, nel modello, ho realizzato in cartone
Si tratta di un diffuso materasso gonfiabile da campeggio a due piazze.
Le sue misure sono 200x120 con uno spessore di 20 cm.

Pegaso già era discretamente efficiente, ora è anche comodo !

Ciao a tutti

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

FABIOS
Utente Senior


Città: LUGANO


345 Messaggi

Inserito il - 03/10/2020 : 09:03:50  Mostra Profilo Invia a FABIOS un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Leggevo su Bolina di Agosto un'interessante articolo sul campeggio nautico
peccato che si concluda con " campeggio nautico che attualmente in Italia é semplicemente vietato"
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 03/10/2020 : 10:38:34  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Pegaso può ospitare per la notte una o due persone, purché sportive ed adattabili.
Si può anche pernottare in acqua, anche se non è certo la situazione più confortevole.
L'idea iniziale di cui abbiamo cominciato a discutere l'anno scorso sarebbe quella di pernottare a terra, in alberghi o campeggi, avendo la possibilità di dormire a bordo solo nel caso in cui non si riuscisse a trovare altra sistemazione.
Per chi, più giovane di me, volesse volesse darsi al campeggio nautico può trovare in Pegaso la più piccola ed economica barca esistente che sia minimamente adatta allo scopo.
Non sono, però, informato su leggi e regolamenti riguardanti il campeggio nautico.
Qualcuno ci può passare notizie in merito ?
Ciao a tutti

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

umbeuno
2018 Winner


Prov.: Milano
Città: Boffalora Ticino


164 Messaggi

Inserito il - 04/10/2020 : 08:03:58  Mostra Profilo Invia a umbeuno un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E' vero,in Italia il campeggio libero è vietato in qualisiasi luogo.
Però trovo molto interessante il progetto perchè nasce per essere utilizzato da due persone,non esiste solo il campeggio nautico, ma anche il "day sailer".
Si porta sul tetto come qualsiasi altro dieci piedi ma ti permette di arrivare nella caletta vicina di approdare sulla spiaggetta irragiungibile a piedi o di fare semplicemente due bordi,però in compagnia, e questo lo distingue da tutti gli altri.

Umberto
Torna all'inizio della Pagina

luca10ft
Utente Senior


Città: riccione


766 Messaggi

Inserito il - 04/10/2020 : 08:11:53  Mostra Profilo Invia a luca10ft un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Saluti a tutti cari amici 10piedisti. Ritorno dopo una lunga astensione dovuta, perlopiù, ad altri interessi, come la canoa e da quest’anno anche il SUP (ovviamente tutto autocostruito incluse le pagaie).
Però ogni tanto vi leggo, anche se da leggere c’è sempre meno…. Questa mi sembra tuttavia una bella iniziativa che spero vada avanti anche se, personalmente, nutro qualche dubbio.
Comunque vorrei dare un piccolo contributo senza fare l’uccello del malaugurio.

Sento parlare di “campeggio nautico” da quasi quarant’anni ma sinceramente non ho mai conosciuto e neanche visto alcun campeggiatore di questo tipo, a parte quelli dei viaggi organizzati, tipo il Velaraid.

Qualche anno fa iniziai a progettare un viaggio in canoa da Riccione alla Riviera del Conero (Ancona) su un tragitto di circa 100 km solo andata e con tappe giornaliere mediamente di 25 km per un totale di circa una settimana meteo permettendo (4 gg di viaggio e 3 gg di vagabondaggio tra le varie spiaggette della Riviera).
L’idea era quella di appoggiarmi (per la “pausa pranzo” e il pernottamento) alle spiagge libere presenti lungo il tragitto (parecchie) e di fare piccoli rifornimenti nei bar presso i vari stabilimenti balneari (in numero ancora maggiore).
Avevo anche comprato la tenda Aravis 1 della Coleman approfittando di un’offerta della Decathlon.

Purtroppo divieti e burocrazia hanno detto “niente da fare”.
L’accesso alle spiagge (libere o in concessione a terzi) è disciplinato dalle ordinanze delle locali Capitanerie di Porto, della Regione e dei comuni rivieraschi. Generalmente è vietato il bivacco, il pernottamento e in parecchi casi anche il semplice transito notturno. Nelle spiagge più isolate e se non si accende il fuoco (quasi sempre assolutamente vietato) forse nessuno viene a controllare, ma si potrebbero fare brutti incontri con malintenzionati.
Ci si può appoggiare ai campeggi ma, a parte il costo (a volte equivalente o superiore a quello di una pensioncina), c’è il problema di dove lasciare la barca. Anche qui vale il generale divieto, per i natanti, di atterrare fuori dagli appositi corridoi. Le canoe, andando solo a remi ed essendo un mezzo essenzialmente da spiaggia, potrebbero anche essere tollerate, ma la barca a vela non passerebbe inosservata, neanche se piccola. Poi non è detto che nei pressi di un corridoio ci sia anche un campeggio o anche se ci fosse resta il problema di come ritrovare la barca intatta la mattina dopo. Ci sono circoli nautici o stabilimenti balneari attrezzati per il rimessaggio, ma non è detto che siano sempre disposti ad offrire ospitalità, specie se gratuita, e restano sempre i problemi di dove si dorme, di dove si fanno i propri bisogni (anche questo aspetto è quasi sempre disciplinato dalle varie ordinanze che prevedono sanzioni per chi fa la pipì “fuori dal vaso”) e di dove si buttano i rifiuti (qui vincoli e sanzioni sono ancora maggiori).
Questa è la situazione generale qui nel medio Adriatico ma ci sono posti (specie quelli paesaggisticamente più attraenti) in cui i divieti sono maggiori. Ad esempio lunghi tratti delle coste dei parchi naturali (qui da noi molte San Bartolo tra Gabicce e Pesaro e più a sud Monte Conero da Ancona a Numana) sono interdette all’accesso h24 e la navigazione costiera può svolgersi solo mantenendo una certa distanza.

Già che ci sono offro anche un piccolo contributo tecnico sul progetto di Jacopo.
L’esperienza crocieristica mi ha insegnato tre regole fondamentali, ovvero: 1) comodità, 2) semplicità, 3) assecondare la pigrizia.

In base alla regola n. 1 avrei fatto scafi meno appuntiti e più voluminosi alle estremità in modo da limitare il beccheggio e creare uno spazio in coperta vivibile e il più stabile possibile. Ci sarebbe poi anche maggiore volume per lo stivaggio. Avrei anche previsto dei poggia schiena.

La regola n. 2 mi avrebbe fatto eliminare la deriva. Mi sembra di capire che la carena sia dritta (cioè orizzontale) quindi con un pescaggio di circa 25 cm per 3 m, ovvero 0,75 mq, che rappresentano un piano antiscarroccio più che sufficiente (pensate a come erano fatte le vecchie barche a chiglia lunga sulle cui doti boliniere credo non si possa dubitare), senza puoi considerare la parte immersa dell’ama sottovento. Ma se proprio non si vuole rinunciare alla deriva, allora ne avrei fatta una piccolina pivotante con cassa stagna a filo del pozzetto (che resterebbe quindi completamente libero in modo da tenerci tutte le cose, tante, che si vedono nei pozzetti delle barche da crociera). La deriva pivotante non crea intralci all’atterraggio poiché è sufficiente sganciare una cimetta e questa si alza da sola o quando striscia sul fondo (già sperimentato più volte).

La regola n. 3 è un po’ conseguenza delle altre due. Ad esempio vedrei più semplice, veloce e rilassante lasciar perdere l’allestimento della tenda a bordo quando si può dormire comodamente a terra dentro una tenda che, chiusa, occupa lo spazio di una bottiglia d’acqua (sostegni inclusi). Se poi si vuole dormire alla fonda, beh!, allora in c…. alla balena e sogni d’oro :)


Modificato da - luca10ft in data 04/10/2020 08:17:37
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 04/10/2020 : 11:18:34  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Umberto e Marco per i vostri interventi.
Vi ho ritrovato spunti interessanti che voglio valutare con attenzione.
Intanto che il progetto prosegue, riunisco man mano tutte le idee e le indicazioni che mi arrivano.
Sono convinto di avere imboccato una strada interessante che non si era ancora vista nella nostra classe.
Due fattori, però, rallentano un po' la definizione finale del progetto.
Il primo è rappresentato del confrontarsi con necessità nuove che non avevamo incontrato con le barchette da regata.
Il secondo è il cercare di armonizzare necessità spesso contrastanti e cercare di farle convivere in uno spazio minimo tenendo anche conto di pesi, difficoltà costruttive, smontabilità, ecc.
Una breve annotazione per Marco: gli schienalini sono già previsti.
Grazie a tutti per la collaborazione.
A presto

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

luca10ft
Utente Senior


Città: riccione


766 Messaggi

Inserito il - 06/10/2020 : 06:36:42  Mostra Profilo Invia a luca10ft un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Jacopo ha scritto:


Grazie Umberto e Marco per i vostri interventi.

Una breve annotazione per Marco: gli schienalini sono già previsti.



forse volevi dire Luca?
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 06/10/2020 : 09:26:55  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Si certo: volevo dire Luca.
E' che stavo discutendo di un progetto col mio amico Marco e quel nome mi è rimasto in testa.
Chiedo scusa.
Ciao, a presto

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

FABIOS
Utente Senior


Città: LUGANO


345 Messaggi

Inserito il - 08/10/2020 : 10:33:42  Mostra Profilo Invia a FABIOS un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Caro Jacopo
sulla richiesta di avere un diecipiedi che possa trasportare comodamente 2 persone
posso assicurarti che il tuo progetto "Chica" eventualmente adeguato sarebbe perfettamente adatto allo scopo
il mio amico che lo sta utilizzando ha imbarcato una sua collega per un peso totale di 150 kg circa e la barca ha retto senza problemi.
unici appunti il sistema ad elastici non prevede un'adeguato fermo per carichi assiali( cioè se l'ama viene spinto o tirato verso lo scafo principale o verso l'esterno)
e chiaramente lo scarso spazio a disposizione visto l'interasse di 1 metro fra le due traverse.
con piccole modifiche potrebbe essere un valido mezzo da crociera!!
saluti fabio
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 08/10/2020 : 16:40:27  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao Fabio,
mi proponi un'interessante argomento.
Sono il primo a sostenere che Chica ha molti pregi.
Due, però, sono i motivi che mi spingono a non consigliare la soluzione da te proposta.
E' ben vero, grazie allo scafo a "V", che Chica può essere caricata con più di una persona.
Il punto è che, sempre grazie allo scafo a "V", si recupera il volume necessario immergendo lo scafo ben più di quanto farebbe una sezione rettangolare.
E' chiaro che si va avanti ugualmente, ma rimane poco bordo libero e quindi risulta più bagnata e meno manovrabile.
A parte che io posso anche scordarmi di dire "150 kg in due" visto il mio dolce peso !!!!!
Il secondo motivo riguarda la possibilità di un facile alaggio in spiaggia o su uno scivolo.
Con lo scavo a "V", infatti, non si riescono ad utilizzare i rulli gonfiabili e si deve sollevare a forza di braccia.
Non è impossibile, ma è meno pratico !
Osservazioni, comunque, sempre interessanti, grazie.
Ciao a tutti

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

capelizzari
Segretario classe 10'


Prov.: Milano
Città: burago


925 Messaggi

Inserito il - 22/10/2020 : 16:39:18  Mostra Profilo Invia a capelizzari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
interessante questa discussione, anche se un po' frustrante è l'elenco dei regolamenti e impedimenti fatto da Luca...

Io ho una perplessità tecnica. Tu Jacopo dici che la barca potrebbe reggere 30Kt di vento e 2 m d'onda. Mi sembra molto, proprio tanto! A parte il fatto che la costruzione dovrà essere necessariamente molto più robusta di quella delle nostre barchette "da regata", mi sembra, così, a naso, che in quelle condizioni la barca verrebbe facilmente ribaltata, anche con pochissima tela.
Come fai a definire questi valori? su quali basi?

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 23/10/2020 : 07:31:42  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Intanto dobbiamo capire come definiamo le variabili metereologiche.
Quando dico 30 nodi di vento intendo la velocità del vento in ogni singolo momento: non una indicazione di velocità media e poi ti ritrovi la raffica a 45.
Quindi, utilizzando il linguaggio dei bollettini meteo, diciamo vento a 22 nodi con raffiche a 30.
Quando parlo di due metri di onda, lo intendo in senso letterale: non intendo un frangente di due metri.
Due metri di onda sono la differenza di quota tra la valle e la cresta di una regolare ondulazione.
Il che vuole dire che la lunghezza corrispondente sarà tra i 12 ed i 25 metri.
In bolina, se un'onda, diciamo di 20 metri di lunghezza, ci viene incontro a 3 nodi e noi andiamo verso di lei ad altri 3 nodi, vuole dire che passiamo una cresta ogni 7 secondi circa.
In poppa ci troviamo a velocità paragonabili a quelle dell'onda e la pendenza di surf si trova intorno ai 20°.
Sono condizioni che conosco bene e che ho già provato sia con "Pulcino pirata", sia con "Lil rahab al fatah".
Pegaso dispone di volumi e di pesi per una stabilità ancora maggiore.
Nulla a che vedere, per intenderci, con "Triciclo" o con la stessa "Chica".
In ogni caso, è del tutto evidente che se ci trovassimo in queste condizioni con 8 metri quadri di vela appoggiata alle sartie, sarebbe una scuffia (con doppio salto mortale) praticamente assicurata (zac, frecciatina) !
Non ho ancora fatto esperimenti su che succede lasciandosi spingere dal vento a secco di vele, ma credo che si possa resistere a situazioni anche peggiori, chiudendo tutto ed aspettando che passi.
Ciao a tutti
Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

FABIOS
Utente Senior


Città: LUGANO


345 Messaggi

Inserito il - 23/10/2020 : 11:47:30  Mostra Profilo Invia a FABIOS un Messaggio Privato  Rispondi Quotando


Modificato da - FABIOS in data 23/10/2020 12:00:12
Torna all'inizio della Pagina

capelizzari
Segretario classe 10'


Prov.: Milano
Città: burago


925 Messaggi

Inserito il - 23/10/2020 : 17:32:36  Mostra Profilo Invia a capelizzari un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie maestro! io comunque, nonostante la mia temerarietà, con un mare così cercherei di stare all'asciutto!

Parliamo di armo: qui ci vedrei bene una randa avvolgibile come quella di Inseparable, con albero senza sartie. Si avvolge in un attimo, si può sventare completamente anche di poppa (!) e ha dimostrato di essere piuttosto efficiente. Col boma, per le andature portanti.

Carlo
Torna all'inizio della Pagina

Jacopo
2014 Winner


Prov.: Milano
Città: Milano


583 Messaggi

Inserito il - 24/10/2020 : 11:58:42  Mostra Profilo Invia a Jacopo un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Esattamente !
Come armai "Lil rahab al fatah", "Pulcino pirata" e "Chica de las olas".
E' un armo leggermente meno efficiente di una bella randa con albero profilato e rotante, ma assai più comodo da maneggiare.
E' ovvio che in questo caso si tratta di privilegiare comodità e sicurezza.
Anche se Lil e Chica ci hanno vinto la Velalonga e se Pulcino e Chica ci hanno vinto il campionato 10'.
In effetti è un armo di grande praticità e, una volta a terra, si arrotola copletamente all'albero e non hai più vele tra i piedi.
Per quanto riguarda il boma ho provato tre soluzioni differenti:
1) randa con boma tradizionale: offre la possibilità di mantenere un profilo ottimale in ogni andatura. Per ridurre tela si deve adottare una lunga borosa regolabile. Presenta sempre il pericolo della zuccata in strambata e la scomodità di passaggio in virata.
2) randa con steccone alla base: il profilo rimane abbastanza buono in ogni andatura, si eliminano zuccate e scomodità di passaggio, ci rimette la praticità di riduzione di tela che diventa particolarmente macchinosa: a mio avviso è da scartare.
3) randa senza boma né stecca: massima sicurezza, massima comodità di uso e di riduzione. Si deve prevedere una scotta maggiormente allungata verso poppa, il che vuole dire che non riusciremo ad avere una grande superficie velica, ma in questo caso non ci interessa più di tanto. Non avremo una forma ottimale in poppa: quindi faremo dei bordi di lasco o ci rilasseremo a prendere il sole navigando un po' più lentamente.
I progetti proseguono.
Ciao a tutti

Jacopo
Torna all'inizio della Pagina

aurelio
Utente Senior



684 Messaggi

Inserito il - 26/10/2020 : 10:17:25  Mostra Profilo Invia a aurelio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ciao, vi confermo la grande praticità dell'armo con randa avvolgibile sull'albero, Carlo mi ha fatto una vela veramente prestazionale ( anche con riduzione fino al 50)le stecche oblique funzionano benissimo...
p.s. provata anche con boma smontabile in 2 parti per ricovero in cabina,migliorano naturalmente le prestazioni in tutte le andature....ma per uso "crocieristico" senza boma è veramente rilassante!!

Immagine:

15,8 KB
Torna all'inizio della Pagina

aurelio
Utente Senior



684 Messaggi

Inserito il - 26/10/2020 : 13:56:03  Mostra Profilo Invia a aurelio un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
alla boa con vela avvolta

Immagine:

74,09 KB
Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 3 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
F O R U M    1 0 ' © 2000-06 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina e'stata generata in 0,27 secondi. Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000